SERIE COVOL

CONTATORI A PISTONE OSCILLANTE



Il costruttore

Il costruttore

Principio di misura

Il liquido che attraversa il contatore volumetrico esercita una pressione su di un pistone interno che si riempie ed inizia a ruotare. Spostandosi all’interno del corpo di misura il pistone trasporta il liquido incamerato verso l’uscita del contatore.
Il volume della cavità del pistone è noto, dunque rilevandone il moto si risale alla portata in transito.

La tecnologia

  • Solitamente i contatori volumetrici richiedono installazioni su condotte esclusivamente orizzontali. Il sistema a pistone oscillante invece si può posizionare indifferentemente sia in verticale che in orizzontale e non sono richiesti particolari tratti rettilinei di tubazione, né prima e né dopo il punto di installazione.
  • Limitazioni dovute alla presenza di eventuali solidi in sospensione che possono causare il blocco del movimento del pistone, danneggiando anche il misuratore. In tal caso è suggerito inserire prima dello strumento un filtro con una grana tale da ovviare a questo problema.

Lo strumento

  • Rispetto ai contatori tradizionali ad ingranaggi, in presenza di materiali costruttivi più nobili come l’acciaio inox 316, questa soluzione risulta essere imbattibile nel rapporto qualità/prezzo.
  • La semplicità costruttiva del COVOL lo rende adatto anche ad essere realizzato in materiali plastici quali PP, PVC e PTFE per affrontare con successo applicazioni su liquidi corrosivi.
  • Il COVOL ha la versatilità di poter essere accoppiato con diverse elettroniche di controllo, montate a bordo oppure separate. Questa possibilità permette di adattare meglio il misuratore alle esigenze dell’impianto come ad esempio display grandi, uscite analogiche o digitali, predeterminazioni, etc.
  • In presenza di liquidi incrostanti è sempre meglio prevedere dei cicli di pulizia, tuttavia questo contatore è semplice da smontare e dunque anche da pulire. Può inoltre essere sottoposto a cicli di sterilizzazione. In presenza di solidi in sospensione è sempre consigliato l’uso di un filtro a monte del misuratore.

Le applicazioni

  • Nel chimico per misure di acido acetico, acetone, alcool, benzolo, benzene, soda caustica, condense, acqua demineralizzata, acido nitrico, acido cloridrico, acido solforico, solventi, toluene, etc.
  • Disponibili anche in versione con attacchi alimentari per essere utilizzati su liquidi come ad esempio creme, sciroppi, succhi, latte, vino, oli vegetali, glicerina, etc.
  • Nel petrolchimico su idrocarburi liquidi quali cherosene, pentano, petrolio, polimeri, propano, etc.
  •