SERIE LEAK ALERT

ELETTRODINAMICO



Il costruttore

Il costruttore

Principio di misura

Una sonda viene investita da un flusso di particelle solide che la caricano elettrostaticamente. Questo fenomeno, noto come elettrificazione, si può ottenere per induzione o per collisione. I sistemi elettrodinamici raccolgono l’energia indotta, ossia la carica elettrostatica naturale delle particelle, al contrario dei sistemi noti come triboelettrici che si basano sull’effetto della collisione.

La tecnologia

  • Gli elettrodinamici sono dei sistemi ad induzione che filtrano il segnale ad una frequenza ben definita. È una tecnica brevettata dal costruttore inglese PCME.
  • L’elettrodinamico minimizza gli effetti negativi riscontrabili in altri sistemi simili.
  • Misura indipendente dalle variazioni di velocità (sopra i 7 m/s).
  • Misura non influenzata dall’incrostazione della zona attiva della sonda. Sonde molto robuste e facili da installare che non richiedono opere importanti di installazione e manutenzione.
  • I limiti di questa tecnologia sono dovuti a condizioni di bassissime velocità dei fumi.

Lo strumento

  • PCME ha ottenuto il premio “The Queen’s Awards” per innovazione tecnologica.
  • La serie Leak Alert è un progetto PCME per il controllo della filtrazione, con la possibilità di misurare anche la concentrazione in mg/m3.
  • Garantisce misure stabili ed affidabili grazie alla tecnologia elettrodinamica.
  • I trasmettitori moderni consentono parametrizzazioni rintracciabili e ripetibili, con una diagnostica utile per aiutare l’operatore ad individuare eventuali anomalie.
  • La versione base più economica offre un trend di misura con uscita 4-20 mA ma si possono avere soluzioni più ampie per agevolare l’operatività impiantistica.
  • Calibrazioni direttamente in mg/m3.
  • Auto diagnosi (controllo zero, fondo scala) manuale oppure automatica.
  • Controllo di contaminazione sonda.
  • Sonde in versione Passive Active per fumi che tendono a condensare nella zona fredda dei bocchelli.
  • Sonde rivestite in teflon per fumi acidi o per fumi ad alto contenuto di acqua.*
  • I limiti di questa tecnologia sono dovuti a condizioni di bassissime velocità dei fumi.
  • Certificazione TUV EN 15859 (controllo automatico efficienza filtri).
  • Elettronica di controllo e configurazione incorporata oppure remotata.
  • Display digitale integrato con tastiera.

*Applicazione per fumi sotto al dew point da verificare

Le applicazioni

  • Controllo filtrazione (efficienza e rottura maniche).
  • Acciaierie e fonderie sui filtri a manica (impianti vuoto).
  • Ceramica (atomizzatori).
  • Chimica (spray dryer detergenti).
  • Cemento, Calce, Silice, Gesso, Asfalti (mulini, macinazione, insaccamento…).
  • Alimentare (mulini, macinazione, essiccazione, trasporti pneumatici).